Cerca

Come difendersi da un Leg Locker

Aggiornamento: 12 mag



Perché gli atleti di BJJ stanno diventando specialisti nei Leg Locks? La risposta è abbastanza semplice: il moderno sistema Ashi Garami per gli attacchi alle gambe nel grappling funziona in modo efficiente per persone di tutti i livelli.

Con così tante persone in BJJ che ora usano i leg lock come principale minaccia di sottomissione, la domanda a cui dobbiamo rispondere in seguito è: qual è il modo migliore per difendere e sfuggire ai moderni leg lock?


Cos'è il moderno gioco di Ashi Garami usato dai Leg Locks?

Il motivo principale per cui le sottomissioni delle gambe hanno iniziato improvvisamente a funzionare nel Jiu Jitsu è semplice: l’ingaggio delle gambe è considerato posizione di controllo e siccome “position is submission” questo a aperto la strada agli attacchi delle gambe.


Prima che John Danaher (non ha bisogno di presentazioni) mettesse insieme un sistema efficace per controllare le persone prima di sottoporle con un leg lock, si pensava che dal momento che i leg locks venivano usati senza prima stabilire il controllo, erano tecniche inefficaci e pericolose.


Il sistema di controllo introdotto da Danaher ruota attorno ai metodi per controllare l'intera parte inferiore del corpo del tuo avversario prima di impostare una sottomissione. Data la sua passione nel dare ai concetti nomi giapponesi, Danaher ha soprannominato il suo sistema Ashi Garami, che significa semplicemente "aggrovigliamento delle gambe".

Gli studenti di Danaher hanno preso il suo sistema e lo hanno usato per sottomettere praticamente tutte le superstar del BJJ, nonostante fossero quasi sconosciuti. Ciò ha indotto la comunità del grappling a fermarsi e prendere atto: i blocchi delle gambe non erano più una sottomissione a bassa percentuale di cui i grappler seri non dovevano preoccuparsi, ora rappresentavano il futuro del grappling.


Le basi del moderno gioco di blocco delle gambe di Ashi Garami non sono complicati: controlla un avversario a tutti i livelli della gamba (anca, ginocchio e caviglia) e controlla entrambe le gambe quando possibile. In effetti, questa semplicità è esattamente ciò che rende difficile da battere il moderno gioco di blocco delle gambe BJJ.


Questo articolo ti insegnerà come disinnescare le minacce più recente del grappling moderno! Ma attenzione, lo sviluppo di un gioco basato sui LegLocks come lo sviluppo delle capacità per uscirne, necessitano di un ambiente orientato a queste strategie e una profonda conoscenza di ciò che funziona e ciò che non è interessante approfondire.

Per questo al Combat Club ho pensato un percorso per portare chiunque a un livello eccellente nel “gioco delle gambe”: LegLocker Way.

Determina quali sono i veri pericoli che stai fronteggiando.

Quando affronti il gioco di leve alle gambe, ci sono due principali pericoli che stai affrontando quando sei intrappolato in un Ashi Garami.


Il primo è il pericolo che la caviglia o il ginocchio si rompano a causa di leve dritte, teo hold, heel hook o kneebar. Questi attacchi, tuttavia, rappresentano solo il punto finale del gioco di leve alle gambe e il loro successo dipende da quanto è buono il controllo che si riesce ad applicare agli arti inferiori.


Questo ci porta alla seconda minaccia delle moderne leve delle gambe: il controllo. Finché un avversario può tenerti in una posizione di Ashi Garami, avrà la possibilità di passare da una tecnica di finalizzazione all'altra o regolare lo stesso attacco finché non funziona.


Senza essere in grado di riconoscere questi due problemi centrali quando difendi i bloccaggi delle gambe, ti sarà difficile trovare un modo efficace per battere un Leg Locker.


Come dovresti avvicinarti alla difesa delle leve alle gambe nel BJJ?

Nel grappling in qualsiasi situazione, dalle leve alle gambe ai passaggi di guardia, avrai più successo nella difesa se impari in primo luogo come funzionano gli attacchi. L'approccio all'apprendimento di qualsiasi fuga nel BJJ inizia con il passare il tempo necessario ad imparare gli attacchi. Questo ti fornirà preziosi dettagli sulla fase di attacco che si compone di posizioni e sottomissioni, che altrimenti sarebbero difficili da afferrare quando ti concentri solo sulla difesa.


Detto questo, da un punto di vista più specifico sulla difesa, ci sono due cose principali su cui concentrarsi quando si è in fase difensiva e coincidono con le due maggiori minacce delle moderne leve delle gambe: il controllo di Ashi Garami e le sottomissioni stesse.


Per prima cosa, se un avversario ti ha bloccato in un Ashi Garami, il controllo della posizione è la principale minaccia su cui concentrarsi. Tuttavia, se riescono a penetrare abbastanza in profondità nella posizione per applicare le sottomissioni, devi prima spostare la tua attenzione sulla minaccia immediata che consiste nella sottomissione e poi tornare a gestire il controllo.


La regola pratica è cercare di uscire da Ashi Garami non appena si è intrappolati, o preferibilmente, non appena l'avversario lo sta preparando, il che comporta il riconoscerlo anticipatamente.

Il concetto di difesa anticipata, uno dei pochi concetti di fuga che funziona universalmente nel bjj.


Per stare al sicuro dal controllo di Ashi Garami, devi tenere il tuo ginocchio fuori dalla loro "linea del ginocchio". La linea del ginocchio è la linea immaginaria che collega le due ginocchia dell'avversario; se il tuo ginocchio è all'interno della loro linea del ginocchio (più vicino al loro bacino) sei in pericolo, mentre se è fuori (più vicino ai loro piedi) sei praticamente al sicuro.


Tuttavia, alcuni avversari sono abili con i loro setup, e potresti semplicemente essere in ritardo e non riuscire a ritirare la gambe. In tali situazioni, cercare di nascondere l'articolazione che stanno attaccando e rompere la loro presa è tutto ciò su cui dovresti concentrarti. Queste sono le fughe tecniche, o tardive, che sono anche altamente affidabili se eseguite correttamente, e per farlo si deve allenare assiduamente.


Difendere specifici attacchi alle gambe portati da Ashi Garami

Quando si tratta di battere il moderno gioco di leve alle gambe da Ashi Garami, devi sapere quali sottomissioni include. Hell Hook, la leva dritta alla caviglia, toe hold e il kneebar sono i quattro modi principali per sottomettere nel grapplling da questa posizione. Questi attacchi insieme al controllo Ashi Garami eseguito come si deve, possono essere piuttosto difficili da difendere e scappare!


Battere l'Ashi Garami


Le posizioni di Ashi Garmi sono piuttosto intricate. Anche se ti invito ad approfondire l'analisi di come funzionano e come puoi difenderli, sto cercando di fornirti un modo rapido per sfuggire a qualsiasi intrico di Ashi Garami: la mobilità dell'anca.

Fondamentalmente, affinché un blocco delle gambe funzioni, un avversario ha bisogno di entrambi i fianchi a terra in uno scenario ideale. Tuttavia, anche avere un'anca bloccata a terra o solo l'anca leggermente più bassa della tua consentirà loro di giocare al gioco di blocco delle gambe di Ashi Garami. Se sollevi un'anca più in alto, l'altra seguirà e potrai ruotare, cambiando l'angolazione per liberare il ginocchio dall'aggrovigliamento.


Questo è esattamente il motivo per cui un buon leg locker controlla entrambe le gambe, anche se ne attaccheranno solo una. Il 90% della resistenza durante i blocchi delle gambe proviene dalla gamba secondaria, che aiuta a sollevare i fianchi da terra e, successivamente, ti aiuta ad allontanarti da un avversario.

Assicurati che la tua gamba secondaria sia libera prima di tentare di affrontare un Ashi Garami è di fondamentale importanza. Se deciderai di alzarti in piedi o di usare la gamba libera per ottenere un po' di gioco sulla linea del ginocchio, dipende da te.


Tieni presente che è molto difficile, anche per i leg locker più navigati, finire tenendo entrambe le gambe. Ciò significa che puoi liberare la gamba secondaria (quella che non stanno attaccando) molto più facilmente dell'altra e usarla per aiutarti a battere la posizione di Ashi Garami prima ancora che una sottomissione sia vicina alla materializzazione.


Come difendersi dagli Heel Hook?

Gli Heel Hook sono i più devastanti tra le leve alle gambe a causa della meccanica di rottura alla base della tecnica. Nonostante la presa sia sul tallone e sul piede, l'attacco danneggia il ginocchio. Fondamentalmente, gli Heel Hook funzionano trasformando la gamba in una serie di leve, usando la rotazione alla caviglia per costringere il ginocchio a ruotare in modi non previsti.

Come ti difendi dagli Heel Hook? Prima di tutto, esci dall'Ashi Garami! Se esci dalla linea del ginocchio nessun Heel Hook terminerà con un TAP (o una lesione) se rimani calmo e smantelli metodicamente tutti gli elementi che compongono la tacnica.

Quando sei bloccato in una posizione di Ashi Garami, però, devi pensare alle fughe. In tal caso, il principio è lo stesso per tutte le sottomissioni delle gambe: prima nasconditi per guadagnare tempo per rompere le prese e cerca di iniziare a smantellare l'Ashi Garami. I tuoi sforzi dovrebbero assomigliare a questo:

1. Nascondi il tallone – ruotando il tallone e la pianta del piede verso la cassa toracica del tuo avversario.

2. Break grips – Fai leva per aprire il braccio superiore della presa del tuo avversario. Questo braccio diventerà più accessibile man mano che cercheranno di "scavare" il tallone dallo slip. Con questo braccio controllato sarai libero di cercare una via d'uscita dall'Ashi Garami.


La formula indicata sopra funzionerà sia heel hook interni che per quelli esterni. Il motivo per cui funziona è che la maggior parte delle persone avrà rilasciato l'altra gamba per impegnarsi davvero nel heel hook. Se fai scivolare il tallone e rompi la loro presa, rimarrai con una gamba libera da usare come fonte di energia per continuare a scappare da Ashi Garami.

Come difendersi dalla leva dritta della caviglia?


Le serrature alla caviglia dritte sono dolorose ma non così devastanti come i ganci del tallone. Una leva alla caviglia impostato in fretta molto probabilmente farà solo pressione sul tendine d'Achille. Una leva alla caviglia ben applicato causerà anche una torsione della caviglia che potrebbe portare a strappi multipli del legamento nell'articolazione.


La maggior parte delle leve alla caviglia funzionano in combinazione con i heel hook e sono impostati dalle stesse posizioni del blocco delle gambe di Ashi Garami. Ciò significa che il disimpegno dall'ingaggio è identico indipendentemente dal mezzo in questione.


La più comune difesa della leva dritta alla caviglia viene generalmente definita "piede a martello". Ciò significa raddrizzare il più possibile la gamba in modo che il piede finisca dietro l'avversario, spostando la caviglia fuori pericolo. Tuttavia, questo è solo a metà efficace, dato che copre solo metà dell'equazione: nascondere la caviglia. Per completare la difesa, dovrai ancora una volta battere le loro prese.

1. Dai loro lo stivale: estendere la gamba funzionerà solo per battere una leva alla caviglia completamente serrata se cambi anche la direzione in cui punta il ginocchio. Dovrebbe puntare verso l'anca di un avversario.

2. Concentrati sulla rompere la presa: un braccio diventa sempre accessibile quando inizi a difendere. Tieni il piede a martello ma se un avversario passa a un heel hook, anche tu dovresti passare a nascondere il tallone e continuare a lavorare per interrompere la sua presa.


Come difendersi dalla figura 4 al piede?


Le Toe hold sono diverse dalle leve alla caviglia e dai heel hook nella loro meccanica perché funzionano solo quando la gamba è piegata. Questo è il motivo per cui la maggior parte delle persone di solito cerca di raddrizzare la gamba come metodo principale di difesa della toe hold. Nei moderni sistemi di leve alle gambe, tuttavia, questo ti farà atterrare rapidamente su una kneebar, rendendo questa semplice difesa inadeguata contro un avversario esperto.


Processo in due fasi per gestire le toe hold:

1. Innanzitutto, devi raddrizzare la gamba, ma in un modo che negherà il passaggio a kneebar. Per questo, devi appesantire il piede, appoggiandolo a terra per evitare che il ginocchio si pieghi. È così che neghi il piede, simile al piede a martello o nascondere il tallone. Come prima, avrai bisogno della potenza della gamba libera per aiutarti a rendere il piede che stai difendendo "pesante" e bloccato a terra.

2. Usa la gamba libera e un movimento di svolta per rompere la presa. A meno che non ci sia un percorso libero per piegare il ginocchio, un avversario non sarà in grado di finire una presa in punta senza spingere il piede verso il sedere. Il fatto che il tuo ginocchio non sia completamente dritto nella posizione del "piede pesante" impedisce possibili follow-up della ginocchiera.


Come difendersi dal Kneebar?


Il kneebar è leggermente diversa dalle altre tre sottomissioni descritte sopra in quanto il punto focale della pressione di rottura viene applicato all'articolazione del ginocchio, piuttosto che alla caviglia. Mentre l’heel hook prende di mira anche il ginocchio, il kneebar opera iperestendendo l'articolazione del ginocchio esattamente come iperestenderesti il ​​gomito quando finisci un armbar.


Per il kneebar, liberare la linea del ginocchio, ovvero uscire dall'Ashi Garami, è più difficile rispetto ad altre posizioni. Ciò significa che il modo in cui nascondi il ginocchio e gestisci le prese è fondamentale per le difese e le fughe del kneebar.


La difesa del ginocchio più spesso citata è quella di triangolare le gambe. Anche se questo potrebbe ritardare l'inevitabile, resta il fatto che si tratta di un tentativo di fuga nel mezzo della mossa, il che significa che l'avversario ha molto tempo per adattarsi. Invece, dovresti mirare a difendere molto presto (liberando la linea del ginocchio) o molto tardi.

Ecco un ottimo esempio di un'efficace difesa :


1. Nascondere la gamba funzionerà allo stesso modo della toe hold: allontana leggermente il ginocchio dalla pancia dell'avversario e piegalo leggermente, in modo da raggiungere la posizione del "piede pesante".

2. Invece di rompere le impugnature dell'avversario, che sono abbastanza lontane, aprirai invece le gambe, che sono più vicine. Una presa due contro uno con una mano sia sullo stinco che sulla parte superiore della gamba dell'avversario ti aiuterà ad aprire le gambe e rilassare l'intera posizione di Ashi Garami.


Resta gelido e concentrato


Una cosa da tenere a mente è che una volta che sei al sicuro dagli attacchi che si sviluppano da Ashi Garami, non sei necessariamente al sicuro da tutti gli attacchi di leva delle gambe. Nel momento in cui qualcuno ha il controllo sul tuo stinco, ma non sul tuo ginocchio, i calf slice diventano un pericolo evidente e presente.


Inoltre, dovresti considerare il fatto che molte fughe di blocco delle gambe altamente efficaci finiranno per aprire altre vie di attacco per l'avversario, che si tratti di sweep, passaggi o back take.

Stai attento e mantieni le tue posizioni difensive finché non sei tu ad attaccare!

Infine, ricorda che la maggior parte delle lesioni da leve alle gambe sono il risultato di persone in preda al panico, con conseguente rotazione o torsione all'interno di un Ashi Garami.

Le leve alle gambe sono la parte forse più comoplessa del grappling, e non si può approcciare superficialmente, se decidi che vuoi diventare un leg locker devi studiare e approfondire, devi avere un partner con cui sei in sintonia e drillare drillare drillare.

In tutto il jiu jitsu ma in particolar modo nelle leve alle gambe contano solo due cose la tecnica e la sensibilità, la finalizzazione non dipende dall’energia che si usa ma è una questione di cm e di secondi.


Conclusione

I sistemi Ashi Garami leg lock non sono impossibili da battere. In realtà, la formula che abbiamo delineato sopra si applica più o meno universalmente a tutti i possibili attacchi di Ashi Garami, con solo piccoli accorgimenti.


In sintesi, se si è intrappolati in un heel hook, una leva dritta alla caviglia, una teo hold o un kneebar devi nascondere prima l'articolazione che è sotto attacco, rompere le prese che forniscono all'avversario il potere di rottura, quindi liberare il ginocchio da l'Ashi Garami. Questi semplici passaggi sono facili da ricordare e sono molto efficaci!

LegLocker's Way è un percorso pensato dal Combat Club, sono lezioni o private per due atleti alla volta o di gruppo per 12 persone una volta a settimana, in cui si vanno a toccare tutti gli elementi tecnici che compongono il gioco di un leg locker, sviluppando dei game plan attraverso drill e sparring condizionati, un viaggio lungo ma con una mappa molto ben dettagliata.
10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti