Ecco perché molti confondono il BJJ con il JuJitsu.



La maggior parte di noi a un certo punto ha confuso il jiu-jitsu brasiliano con il jujutsu. Alcuni si riducono alla formulazione. Ad esempio, se senti qualcuno dire "jiu-jitsu" da solo, potrebbe riferirsi facilmente al BJJ mentre se dice jiu-jitsu giapponese, intende quello ceh comunemente è chiamato jujutsu. Nonostante le somiglianze nei nomi, tuttavia, BJJ e jujutsu sono due arti distinte.

Molte persone hanno familiarità con il Brazilian jiu-jitsu (BJJ) grazie al suo utilizzo nelle competizioni MMA, ma non tutti sono così consapevoli del jujutsu. In effetti, è comune che le persone utilizzino erroneamente questi due termini in modo intercambiabile (o si riferiscano a BJJ semplicemente come "jiu-jitsu"). Sebbene il jiu-jitsu brasiliano abbia le sue radici nel jujitsu tradizionale giapponese, oggi ci sono molte differenze notevoli in entrambi questi stili.

 

Le origini del jujitsu giapponese

Il jujitsu tradizionale è spesso considerato uno dei primi tipi di arti marziali mai insegnati. Ha avuto una grande influenza sia nello sviluppo del judo che nel jiu-jitsu brasiliano. Alcuni credono che queste arti marziali secolari siano originariamente iniziate tra i monaci buddisti come un metodo di autodifesa più pacifico che non richiedeva l'uso di armi; tuttavia, uno dei primi usi conosciuti del jujitsu fu in realtà sul campo di battaglia da parte dei samurai. Mentre questi guerrieri usavano ancora le armi in battaglia, il jujitsu era una forma di difesa efficace in situazioni in cui era necessario il combattimento corpo a corpo, come quando un'arma veniva persa.


Quando veniva utilizzato nell'esercito, il jujitsu era principalmente incentrato su metodi di lotta come proiezioni potenti e chiavi articolari. Sebbene questa arte marziale sia ancora attualmente utilizzata dai militari e dalle forze dell'ordine in contesti moderni, è cambiata notevolmente nel corso degli anni per essere incorporata in modo sicuro come sport civile che include anche movimenti di calci e pugni. Il rispetto e gli elementi tradizionali sono ancora molto importanti per il jujitsu moderno.

 

L'evoluzione del Jujitsu nel Jiu-Jitsu brasiliano

Lo sviluppo del BJJ dipendeva dalla progressione del jujitsu nel judo. Alla fine del 19° secolo, le tecniche di jujitsu furono trasformate in judo da un uomo di nome Jigoro Kano .

Kano, che era alto meno di 1m 50 e pesava meno di 45 kg, ha adattato l'arte per fare meno affidamento sulla forza. Ha anche posto una maggiore enfasi sullo sviluppo personale e sulla difesa da un attaccante sbilanciandolo. Questa arte marziale non prevede alcun tipo di tecnica di calci o colpi, o l'uso di armi.

Piuttosto, si basa su tecniche di proiezione mirate, strangolamenti e chiavi articolari.

 

All'inizio del 1900, il judo era diventato popolare e si era fatto strada in Brasile dopo che Mitsuyo Maeda , uno studente di Kano, iniziò a insegnare judo lì. Uno degli studenti di Maeda in Brasile era Carlos Gracie , che era interessato all'aspetto del combattimento a terra del judo. Ciò ha portato agli inizi del jiu-jitsu brasiliano.


Quando si utilizza BJJ, l'obiettivo del combattente è quello di portare il suo avversario a terra e quindi posizionare un avversario in una posizione che forza la sottomissione concentrandosi sia sulla leva che sulla presa. Come il judo, questa arti marziale consente agli individui più piccoli e più deboli di difendersi da un avversario più grande. Sebbene il jiu-jitsu brasiliano sia uno dei tipi più popolari di arti marziali utilizzate nelle competizioni MMA oggi, lo sport stesso si concentra sul grappling e non prevede calci o pugni.

 

JiuJitsu e JuJitsu nella vita reale

Oltre ad essere utile nel regno delle MMA, BJJ è anche molto efficace in una situazione di vita reale nel caso di risse di strada o situazioni in cui è necessaria l'autodifesa. La maggior parte dei combattimenti di strada viene portata a terra, il che rende questo stile di arti marziali così pratico. Anche bambini, donne o persone di bassa statura possono proteggersi da qualcuno molto più grande di loro usando le tecniche apprese nel jiu-jitsu brasiliano.


Sebbene il jujitsu abbia centinaia di anni, si basa ancora su molti dei suoi principi e tecniche originali. Poiché questa arte marziale è stata originariamente sviluppata per i samurai, il jujitsu giapponese è adatto alle situazioni di combattimento nella vita reale. Viene spesso insegnato in un ambiente molto tradizionale in cui la disciplina è molto apprezzata. Il Brazilian jiu-jitsu, d'altra parte, viene utilizzato principalmente per lo sport con un focus primario sul grappling. Per questo motivo, alcune delle tecniche insegnate in BJJ potrebbero non essere applicabili in una situazione di vita reale, ma vinceranno punti in competizione.

 

Sebbene sia il jujitsu che il BJJ siano strettamente correlati tra loro a causa delle loro origini, questi stili sono molto diversi nel modo in cui vengono praticati e applicati nel mondo di oggi. Comprendere la differenza tra questi due stili consente ai principianti di scegliere quale stile sono interessati ad apprendere e migliorare la loro conoscenza generale delle arti marziali.


Al Combat Club Milano, gli specialisti del corpo a corpo insegniamo il Jiu Jitsu Brasiliano sia con GI che NoGI con corsi orientati ai 40enni.

171 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti